This site uses cookies for its functionality, if you want to learn more or opt out of all or some cookies href="/ita/pag/informativa_cookies_privacy/70/">click here.
By closing this banner or clicking any of its elements, you consent to the use of cookies.

“Negli otto pesanti anni di crisi, le nostre imprese, pur avendo sofferto, sono riuscite a rimanere competitive e a fronteggiare il difficile passaggio, rendendo più efficienti i propri assetti organizzativi per “fare di più” con “meno risorse” e soprattutto spingendo sull’internazionalizzazione. Dati alla mano, nel 2015, le sole 500 imprese associate hanno esportato oltre 2 miliardi di euro (pari al 42% del fatturato). Numeri che indicano come le aziende dell’Alto Milanese, pur operando in settori tradizionali e considerati maturi, sviluppano la loro capacità competitiva puntando sulle nicchie di mercato e, allo stesso tempo, inserendosi nelle catene globali di valore. L’immagine oggi è quella di un’imprenditoria diffusa, con un manifatturiero integrato, dotata di capitale umano competente, dove ci esprimiamo con eccellenze a livello nazionale e mondiale e con marchi conosciuti e apprezzati. Questo è il nocciolo duro del nostro sistema produttivo: un “sistema a rete” fatto di alleanze e forme di collaborazione basate sulla prossimità territoriale, ma anche articolate per filiere produttive, che sfrutta l’open innovation. Un processo aperto quindi ai contributi e alle collaborazioni esterne, una grande ricchezza di opportunità-subforniture-stimoli qui concentrate, ove nel raggio di 20-30 chilometri si trova tutto l’utile e l’indispensabile per far funzionare bene l’azienda e la propria economia.”